MARIGLIANO. I GD ed il PUC

LE CRITICHE DEI GD AL PIANO URBANISTICO COMUNALE

Simbolo GD - Marigliano

MARIGLIANO. Il gruppo dei Giovani Democratici di Marigliano, giovedì scorso, si è incontrato con iscritti e simpatizzanti nella propria sede di  Corso Umberto per un seminario su “Piano Urbanistico Comunale e organizzazione del territorio”, a cura del tecnico ...

facebook 16x16 twitter 16x16

democratico Raffaele Spera. In tal incontro, con una nutrita compagine giovanile, si è valorizzato l’importanza di un adeguato e attualizzato strumento urbanistico che manca da quasi un trentennio ad una città, come Marigliano, di trentamila abitanti. Il PUC è lo strumento urbanistico con il quale si fissano le direttive generali da seguire nella sistemazione della totalità del territorio comunale. Per Spera, esso ha la finalità di garantire un uso razionale del territorio assicurando la migliore composizione urbanistica dei singoli insediamenti e indicando la futura configurazione del territorio comunale in relazione alle peculiari condizioni dell'ambiente ed alle esigenze della popolazione. Lo scopo della pianificazione è quello di permettere lo sviluppo della società in concomitanza con l’equità e la sostenibilità degli interventi. Ciò significa che le scelte di piano devono cercare di garantire uguali opportunità ai cittadini tenendo conto delle conseguenze sull’ambiente. Dalla discussione, moderata dal segretario cittadino dei GD, Vito Lombardi, è emerso la chiara posizione della giovanile sulla enorme necessità di un Piano Urbanistico Comunale che non diventi, però, come sembra, un solo piano di edificazione, ma uno strumento di organizzazione del territorio che tenga presente principalmente di quale ruolo si voglia dare alla città dal punto di vista sociale ma anche economico per il prossimo futuro e, quindi, per ciò che riguarda, soprattutto, le nuove generazioni. Non mancano alcuni punti di criticità al piano appena adottato dalla giunta comunale, in particolare su alcune carenze, come quella di un vera previsione di caratterizzazione futura della città (agricola com’è tutt’oggi, o residenziale, o industriale, o commerciale), di un programma di opere primarie di urbanizzazione vista la fatiscenza di quelle già esistenti e di studi preliminari che almeno tentano di giustificare la scelta di una così grande area da destinare all’insolita Bt (con il più alto indice di fabbricabilità), tra l’altro, a scapito di suolo agricolo, risorsa che, invece, per i GD mariglianesi andrebbe valorizzata e privilegiata come peculiarità del territorio.                                GD Marigliano

facebook 40x40 twitter 40x40


Inserisci i tuoi commmenti...